Le décret d’injonction européen

Impact juridique économique sur le scénario européen

L’un des objectifs de l’Union Européenne est de se donner pour achèvement la préservation et le développement d’un espace de liberté, de sécurité et de justice, dans lequel la libre circulation des personnes est garantie. Pour la création de cet espace, l’Union Européenne a adopté, entre autres, des mesures en matière civile ayant des implications transfrontalières, nécessaires au bon fonctionnement du marché intérieur. Ces mesures visent une coopération judiciaire fluide et simplifiée et la compatibilité des règles de procédure civile applicables dans les États membres et, en particulier, aux injonctions de payer européenne.
En effet, le recouvrement rapide et efficace des créances qui ne font pas l’objet d’un contentieux judiciaire revêt une importance primordiale pour les opérateurs économiques de l’Union européenne, les retards de paiement représentant l’une des principales causes d’insolvabilité qui inquiète la survie des entreprises, notamment des petites et moyennes entreprises, et qui est à l’origine de la perte de nombreux emplois ainsi que la distorsion de concurrence dans le marché intérieur causée par le déséquilibre dans le fonctionnement des voies procédurales à la disposition des créanciers dans les différents États membres États.
Dans ce cadre, l’Union européenne a adopté le Règlement CE n. 1896/2006 qui institue une procédure européenne d’injonction de payer. Elle garantit les conditions de concurrence équitables pour les créanciers et les débiteurs dans l’ensemble de l’Union européenne et tend à accélérer et à réduire les coûts des procédures pour les litiges transfrontaliers relatifs aux créances pécuniaires incontestées.
En fait, nous avons tous déjà effectué des achats sur le web auprès d’une société établie dans un autre État membre autre que notre pays d’origine et si cet achat, malheureusement, n’aboutissait pas? Ou que vous avez acheté un ordinateur en vacances pour vous rendre compte, en rentrant chez vous, qu’il ne fonctionne pas ? Ou encore, d’avoir confié la rénovation de la maison de vacances à une entreprise qui n’a pas fonctionné comme il se doit ? Même situation pourrait également se produire pour toutes les circonstances dans lesquelles on doit traiter avec des pays non européens et vice versa. Que se passe-t-il si un citoyen domicilié ou résident hors de l’Union Européenne a effectué un achat dans un État membre de l’Union européenne (vice versa) et s’est rendu compte que l’objet de la vente n’est pas conforme à l’achat? Ces sont des situations classiques dans lesquelles on passe généralement par les voies légales.
L’Union Européenne a prédéterminé le même instrument juridique pour tous ces cas. Le règlement instituant la procédure européenne d’injonction de payer s’applique uniquement aux litiges transfrontaliers. En fait, il peut être utilisé à la fois par les citoyens et les entreprises appartenant aux États membres de l’UE et également à des pays non européens (défini par le Règlement Bruxelles I), en raison de sa grande particularité d’approche au problème, comme l’utilisation de formulaires standard que l’intéressé doit rédiger. La demande doit indiquer le nom et l’adresse des parties (requérant et défendeur) et une description de l’affaire. En outre, il doit démontrer que le litige est de nature transfrontalière et décrire les preuves à l’appui de la demande. La procédure se poursuit jusqu’à l’éventuelle opposition du débiteur, auquel cas il ne s’agit plus d’une créance incontestée et il est possible de passer à la procédure ordinaire selon les règles de procédure civile interne de l’État membre à partir duquel l’injonction de payer a été émise.
Cet instrument s’étend uniquement aux affaires civiles et commerciales et ne traite pas du droit pénal ou du droit de la famille, ni de la faillite ou de la succession. Il ne s’applique pas au Danemark.

Il decreto ingiuntivo europeo

Impatto giuridico economico sullo scenario europeo

Uno degli scopi dell’Unione Europea è quello di prefiggersi come obiettivo la conservazione e lo sviluppo di uno spazio di libertà, sicurezza e giustizia nel quale sia garantita la libera circolazione delle persone. Per la realizzazione di tale spazio l’Unione Europea ha adottato, tra l’altro, delle misure in materia civile aventi implicazioni transfrontaliere, necessarie al corretto funzionamento del mercato interno.
Tali misure sono volte ad una cooperazione giudiziaria agevole e snella e alla compatibilità delle norme di procedura civile applicabili negli Stati membri e, facendo specifico riferimento, in tale contesto, agli ordini di pagamento e nel nostro caso, relativi all’ingiunzione di pagamento europeo.
Infatti, il recupero rapido ed efficace dei crediti che non sono oggetto di una controversia giuridica riveste un’importanza primaria per gli operatori economici dell’Unione europea, in quanto i ritardi di pagamento rappresentano una delle principali cause di insolvenza che preoccupa la sopravvivenza delle aziende, in particolare le piccole e medie imprese, e che è all’origine della perdita di numerosi posti di lavoro nonché la distorsione di concorrenza nel mercato interno causata dallo squilibrio nel funzionamento dei mezzi procedurali a disposizione dei creditori nei diversi Stati membri.
Una procedura civile atta al recupero dei crediti adottato all’interno dell’Unione Europea è il decreto ingiuntivo europeo, che è disciplinato dal Regolamento UE n. 1896/2006. Esso garantisce parità di condizioni per i creditori ed i debitori in tutta l’Unione europea e tende ad accelerare e ridurre i costi dei procedimenti per le controversie transfrontaliere in materia di crediti pecuniari non contestati.
In effetti a tutti noi è già capitato di fare acquisti su Internet da un’azienda stabilita in un altro Stato membro diverso da quello nostro d’origine e cosa succede se tale acquisto non fosse andato a buon fine? Oppure di aver acquistato un computer in vacanza per scoprire, arrivati a casa, che non funziona? O ancora di avere affidato la ristrutturazione della casa di villeggiatura a un’impresa che non ha lavorato come doveva?
Stessa situazione potrebbe accadere anche per tutte quelle circostanze in cui si ha a che fare con paesi extraeuropei e viceversa. Cosa succede se un cittadino domiciliato o residente al di fuori dell’Unione Europea ha effettuato un acquisto in uno Stato membro dell’Unione Europea e viceversa si è reso conto che l’oggetto della vendita non è conforme all’acquisto? Sono classiche situazioni, queste, in cui di solito si va per vie legali.
L’Unione europea ha predisposto per tutti questi casi lo stesso strumento giuridico, cioè il Decreto Ingiuntivo Europeo. Infatti, esso può essere usufruito sia dai cittadini che dalle aziende appartenenti agli Stati membri della UE ed anche a paesi extraeuropei, proprio per la sua grande peculiarità di approccio al problema, come l’utilizzo di moduli standard che l’interessato deve redigere. La domanda deve riportare il nome e l’indirizzo delle parti (ricorrente e convenuto) e una descrizione del caso. Inoltre, deve dimostrare che la controversia è di natura transfrontaliera e descrivere le prove a sostegno della domanda. Il procedimento prosegue fino all’eventuale opposizione del debitore, nel qual caso non si tratta più di un credito non contestato e si può passare al rito ordinario secondo le norme di procedura civile interne dello Stato membro da cui è partita l’ingiunzione di pagamento.
Tale strumento è esteso solo alle cause civili e commerciali e non tratta né di diritto penale o diritto di famiglia, né di fallimenti o successioni. Non si applica alla Danimarca.

European order for payment procedure

The economic and legal impact on the European scenario

One of the aims of the European Union is to set itself as the goal of maintaining and developing an area of freedom, security, and justice in which the free movement of persons is ensured. For the realization of this space, the European Union has adopted, inter alia, measures in the field of judicial cooperation in civil matters having cross-border implications and needed for the proper functioning of the internal market.
These measures are aimed at the good-functioning of civil proceedings and compatibility of the rules on the civil procedure applicable in the Member States. And, in our case, relating to the European order for payment.
Indeed, the swift and efficient recovery of outstanding debts over which no legal controversy exists is of paramount importance for economic operators in the European Union, as late payments constitute a major reason for insolvency threatening the survival of businesses, particularly small and medium-sized enterprises, and resulting in numerous job losses and the distortion of competition within the internal market due to imbalances in the functioning of procedural means afforded to creditors in different Member States.
A civil procedure for debt recovery adopted within the European Union is the European injunction, which is governed by EU Regulation no. 1896/2006. It ensures equal conditions for creditors and debtors throughout the European Union and tends to accelerate and reduce the costs of proceedings for cross-border disputes relating to uncontested pecuniary claims.
All of us have already made purchases on the Internet from a company established in another Member State other than our home country and what happens if this purchase was not successful? Or that you bought a computer on vacation to find out, when you get home, that it doesn’t work? Or even to have entrusted the renovation of the holiday home to a company that did not work as it should?
The same situation could also happen in all those circumstances in which one has to deal with non-European countries and vice versa. What happens if a citizen domiciled or resident outside the European Union has made a purchase in a member state of the European Union and vice versa has realized that the object of the sale is not compliant with the purchase? These are classic situations in which one usually goes through legal channels.
The European Union has prepared the same legal instrument for all these cases, namely the European Order for Payment (EOP). It can be used both by citizens and by companies belonging to EU member states and also to non-European countries (after defining the domicile according to the European Regulation Brussels I), precisely due to its great peculiarity of approach to the problem, such as the use of standard forms that the interested party must draw up.
The application must include the name and address of the parties (applicant and defendant) and a description of the case. In addition, it must demonstrate that the dispute is of a cross-border nature and describe the evidence supporting the claim. The proceeding continues until the debtor’s possible opposition, in which case it is no longer an uncontested credit and it is possible to proceed to the ordinary procedure according to the internal civil procedure rules of the Member State from which the order for payment was issued.
This instrument is extended only to civil and commercial cases and does not deal with criminal law or family law, or bankruptcy or succession. It does not apply to Denmark.

Modifiche alla competenza per gli accertamenti delle cittadinanze “iure sanguinis”

È cambiato dal 22 giugno 2022 il foro italiano territorialmente competente per le cause di accertamento dello stato della cittadinanza italiana “iure sanguinis”.
Quando l’aspirante cittadino che si è visto ingiustamente negato il riconoscimento della cittadinanza risiede all’estero, egli non dovrà più rivolgersi al Foro di Roma, ingolfato dalle domande e quindi lento nel dare giustizia, ma dovrà agire davanti al Tribunale competente per il comune di nascita del padre, della madre o dell’avo cittadini italiani.
L’innovazione nasce dall’art. 1 co. 36 L. 206 del 26.11.2021, entrata in vigore il 24.12.2021, che ha modificato il comma 5 dell’art. 4 del decreto-legge 17.02.2017 n. 13, regolatrice della competenza in materia.
Questo il testo della nuova norma: “All’art. 4, comma 5, del decreto-legge 17.02.2017 n. 13, convertito con modificazioni, dalla legge 13 aprile 2017, n. 46, è aggiunto il seguente periodo: Quando l’attore risiede all’estero, le controversie di accertamento dello stato di cittadinanza italiana sono assegnate avendo riguardo al comune di nascita del padre, della madre o dell’avo cittadini italiani”.

La tutela delle vittime del dovere e del terrorismo

Il Reboa Law Firm è specializzato nella tutela delle vittime di grandi tragedie sociali, sanitarie, e naturali, oltre che le vittime del dovere e del terrorismo, per le quali lo stato italiano riserva una tutela speciale.

La maggioranza di vittime del dovere sono agenti di polizia, Carabinieri o militari caduti nell’esercizio delle proprie funzioni, mentre tra le vittime del terrorismo il Reboa Law Firm ha ottenuto i risarcimenti per molte persone che subirono attentati negli anni di piombo in Italia a causa delle loro idee politiche.

Non tutti sanno che, sia in caso di sopravvivenza che in caso di morte, sia le vittime che i superstiti hanno diritto ad ottenere vari benefici.

Elenchiamo qui i benefici a cui le vittime del dovere e del terrorismo e i loro familiari hanno diritto in caso di morte, riservandoci di fornire informazioni più specifiche qualora fossimo direttamente contattati dai beneficiari:

  1. L’esenzione dal pagamento di ticket per ogni tipo di prestazione sanitaria(L. 30 Ottobre 1990 e D.P.R. n. 243/2006, art. 4, comma 1, lett. a), n. 2).
  2. Il diritto al collocamento obbligatorio (art. 1, co. 2, della L. 407/1998).
  3. Il diritto a ricevere due assegni vitalizi per ogni familiare superstite, compresi i figli maggiorenni, di € 258,23 mensili, soggetto a perequazione annua (L. n. 407/98, art. 2, co. 1) e un altro di € 1.033,00 mensili (art. 5, co. 3 L. 206/2004).
  4. Il diritto a ricevere una speciale elargizione pari, in caso di decesso, all’importo di € 200.000,00 (art. 5, co. 5 L. 206/2004).
  5. La corresponsione una tantum di due annualità, comprensive della tredicesima mensilità, del trattamento pensionistico al coniuge superstite, ai figli minori, ai figli maggiorenni, ai genitori, ed ai fratelli e alle sorelle, se conviventi e a carico (art. 5, co. 4 L. 206/2004).

Il dissenso alle liti condominiali

La Suprema Corte di Cassazione

L’art. 1132 C.C. si applica solo all’ipotesi di delibera assembleare

Il Condomino non può sottrarsi al pagamento delle spese legali nelle cause ove il Condominio è convenuto

n ordine alla spinosa questione condominiale in materia di possibilità per il condomino di liberarsi dalle spese di un giudizio, esprimendo il proprio dissenso nelle forme e termini di cui all’art. 1132 C.C. si segnala l’arresto della Corte di Cassazione con la sentenza 7095/2017 del 20/03/2017 che costiuisce una pietra miliare a delimitazione dei limiti per il condomino di non pagare le spese legali nelle cause ove il condominio è convenuto.

La Suprema Corte, nell’affermare che l’amministratore può resistere all’impugnativa di delibera assembleare senza alcuna necessità né di autorizzazione assembleare né di ratifica, dato che la difesa in giudizio delle delibere rientra tra le sue attribuzioni ex art. 1131 c.c., ha chiarito che l’art. 1132 c.c. in tale fattispecie non è applicabile.
Scrivono infatti gli Ermellini:«tale ultima disposizione, tesa a mitigare gli effetti della regola maggioritaria che informa la vita del condominio, consente al singolo condomino dissenziente di separare la propria responsabilità da quella degli altri condomini in caso di lite giudiziaria, in modo da deviare da sé le conseguenze dannose di un’eventuale soccombenza. Dunque, ove non sia stata l’assemblea a deliberare la lite attiva o passiva ai sensi del predetto art. 1132 c.c., il condomino dissenziente soggiace alla regola maggioritaria. In tal caso egli può solo ricorrere all’assemblea contro i provvedimenti dell’amministratore, in base all’art. 1133 c.c., ovvero al giudice contro il successivo deliberato dell’assemblea stessa (nei limiti temporali, è da ritenere, previsti dall’art. 1137 c.c., richiamato dall’art. 1133 c.c.)».
Quindi, per sperare di sottrarsi al pagamento degli oneri di un giudizio ove il Condominio è convenuto, il condomino dissenziente potrà solo ricorrere all’assemblea avverso la decisione dell’amministratore di resistere in giudizio (magari adducendo che la domanda giudiziale è fondata e, quindi, il resistere è solo fonte di ulteriori oneri processuali).
Ove l’assemblea non accolga il suo ricorso e la decisione fosse illegittima, il dissenziente potrebbe impugnare tale delibera, ma, sintanto che tali giudizi non si siano conclusi, egli sarà tenuto al pagamento pro quota di quelle spese giudiziarie cui sperava sottrarsi.

IL «PAGA PORCELLUM» PIOMBA SUL REFERENDUM

  

alt

 Mentre il Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, è impegnato quotidianamente nella battaglia referendaria, un gruppo di oltre 350 cittadini indipendenti ha aderito all’iniziativa «Paga Porcellum» di Insieme Consumatori, una battagliera associazione presieduta dall’avv. Romolo Reboa, autore, insieme ad altri sei avvocati, dell’azione giudiziaria collettiva I_PORC01- Comunicato stampa 24_11_2016.pdf

CNF: protocollo d’intesa nazionale per la liquidazione standardizzata degli onorari dei difensori d’ufficio

altSchema di Protocollo su base nazionale per la liquidazione standardizzata degli onorari dei difensori dei soggetti ammessi al patrocinio a spese dello Stato, elaborato dalla Commissione interna al Consiglio Nazionale Forense per le Difese d’Ufficio e il patrocinio a spese dello Stato. Di seguito lo schema: 10586n3-C-2016_Protoc.pdf

Studio Legale Reboa

Via Flaminia, 213
(zona Flaminio)
00196 Roma, Italy

P.IVA 03798430587
-
Cattolica Assicurazioni Polizza n. 6.687.588.11
Polizza Infortuni Arca Ass.ni: 2754904141988

Codice Deontologico Forense

Reboa Law Firm

Courthouse Place
12 SE 7th Street, Suite 704
Fort Lauderdale, FL 33301

CopyRight © 2020, Reboa Law Firm
Webdesign: YOUSEEMEMIAMI - Web & Graphic Design Company